Vetrina / FOCUS / Geopolitica / Il Golfo verso l’Europa

Il Golfo verso l’Europa

Il segretario generale del Gulf Cooperation Council, Abdulrahman al-Attiyah, ha annunciato: “I leader hanno deciso di continuare a lavorare verso il raggiungimento dell’unione monetaria e hanno confermato di mantenere la data del 2010”. I 6 Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Gulf Cooperation Council) e cioè Arabia Saudita, Kuwait, Emirati Arabi Unti, Oman, Barhein e Qatar hanno anche deciso al loro vertice annuale di mantenere l’ancoraggio delle loro monete al dollaro. Il primo ministro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Jassem al-Thani, è stato chiaro: “In questo momento la politica è di restare ancorati al dollaro. Il Gcc è preoccupato dell’indebolimento del dollaro, ma per il momento non abbiamo preso alcuna decisione sulla moneta”.

La vera novità del vertice di Doha (3/4 dicembre 2007) è stata la presenza del presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad. Nonostante la Repubblica Islamica dell’Iran abbia parecchi contenziosi territoriali (il Regno del Barhein, per esempio, è considerato da molti una provincia di Teheran) il presidente ha lanciato una forte proposta strategica: “Proponiamo la firma di un patto di sicurezza”. Se teniamo presente che i 6 sono a maggioranza sunnita e che l’Iran è sciita, leggiamo meglio la dichiarazione della vigilia fatta dal portavoce del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Alì Hosseini: “Più incontri abbiamo e più comprensione ci sarà tra noi”.

Il Gcc è un patto che funziona da 25 anni perché si basa su fondamenta economiche. Segue la strada già percorsa dai Paesi europei verso l’unione. Altri patti, federazioni, alleanze (Egitto-Libia-Siria etc.) non hanno resistito perché nascevano da proposte politiche. La speranza è che dal comune business poi nasca anche una linea politica. Chi vivrà vedrà. La somma dei Pil dei 6 é superiore a 330 miliardi di dollari Usa (il Pil pro capite è di 10.000 dollari l’anno per i 33 milioni di abitanti, di cui circa 11 milioni stranieri). Intanto, i Paesi del Gcc hanno ottimi rapporti commerciali con l’Ue. E l’euro avrà senz’altro rapporti soddisfacenti con la loro futura moneta unica.

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Trump vince e il mondo ci guadagna

A gennaio Donald Trump si insedierà alla Casa Bianca come 45esimo presidente degli Stati Uniti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.