Vetrina / FOCUS / Segmenti / Sull’evasione fiscale il compagno Fassina
la pensa come Berlusconi: cosa succede?

Sull’evasione fiscale il compagno Fassina
la pensa come Berlusconi: cosa succede?

Oggi, giovedì 25 luglio 2014, il viceministro dell’Economia Stefano Fassina ha dichiarato a un convegno di Confcommercio: «La pressione fiscale in Italia e’ insostenibile, c’e’ una relazione stretta tra pressione fiscale, spesa e sommerso, e c’e’ una evasione fiscale di sopravvivenza».
Poi ha aggiunto: «Senza voler strizzare l’occhio a nessuno, senza ambiguità nel contrasto all’evasione non e’ una questione prevalentemente morale: ci sono ragioni profonde strutturali che spingono tanti soggetti economici a comportamenti di cui farebbero volentieri a meno».

Fassina, classe 1966, è membro della segreteria nazionale del Partito democratico come responsabile del settore economia e lavoro. Nel Pd è un “giovane turco”, appartiene cioè al gruppetto di sinistra fatto di fedeli bersaniani.

Dall’Eurispes, istituto di studi politici, economici e sociali, arriva l’appoggio di Stefano Balestieri, direttore dell’Osservatorio permanente sulle Politiche fiscali.
«L’evasione fiscale – dice Balestieri – è figlia della pressione fiscale e della spesa pubblica improduttiva». E parla di chi «è costretto a compiere atti evasivi al solo fine di poter aumentare il proprio reddito disponibile e provvedere alle proprie necessità familiari».
Affinché non ci siano dubbi, il direttore dell’Osservatorio Eurispes dichiara: «Il viceministro dell’Economia Stefano Fassina ha finalmente ufficializzato il fatto che nel nostro Paese si è consolidata quella “evasione fiscale da sopravvivenza” che l’Eurispes da anni segnala alla attenzione delle Istituzioni».

D’accordo anche il segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi, il quale dichiara: «Ha ragione il viceministro dell’Economia Stefano Fassina, ad affermare che c’è anche una evasione di sopravvivenza legata alla difficile situazione economica. Ma la vera causa dell’infedeltà fiscale presente in Italia è, a mio avviso, dovuta ad un carico fiscale che ha raggiunto un livello non più sopportabile che ci consente di affermare che, indipendentemente dall’evasione fiscale il nostro Erario dispone comunque di una quantotà di entrate maggiore che degli alti Paesi».

Cosa sta succedendo? Quando nel 2004 Silvio Berlusconi dichiarò: «Se si chiede una pressione del 50% ognuno si sentirà moralmente autorizzato ad evadere», tutti, o quasi, a cominciare dal giornale-partito di Eugenio Scalfari, lo accusarono di giustificare, e incoraggiare, l’evasione fiscale. Anche nel 2008 Berlusconi dichiarò: «Se lo Stato ti chiede un terzo di quanto guadagni, allora la tassazione ti appare una cosa giusta, ma se ti chiede il 50-60% ti sembra una cosa indebita e ti senti anche un po’ giustificato a mettere in atto procedure di elusione e a volte anche di evasione».

Ripeto la domanda: cosa sta succedendo? Come mai il compagno Fassina e tanti opinion makers oggi riconoscono l’esistenza di una “evasione fiscale per sopravvivenza”?

Non vorrei apparire un dietrologo, ma mi sa tanto che i compagnucci della parrocchietta (e di merenda) hanno scoperto che Matteo Renzi ha ragione quando dice che per vincere il Pd deve prendere i voti del centrodestra. E’ risaputo che una delle ragioni per le quali il ceto medio che l’Eurispes definisce poveri “in giacca e cravatta” votava (e in parte ancora vota) per Silvio Berlusconi ha che fare con le tasse e con la evasione di sopravvivenza.

Forse è per questo che Fassina è stato attaccato da una ex compagna.
«Se Fassina sull’evasione fiscale la pensa come Berlusconi siamo all’allarme rosso»: ha detto Linda Lanzillotta, ex maoista, ex socialista, ex Margherita, ex Pd, ex Alleanza per l’Italia, oggi Scelta civica. E il partito di Mario Monti, si sa, vuole pescare nel grande mare del centrodestra di Silvio Berlusconi.
Insomma c’è una guerra per arraffare l’eredità, ma il de cuius, il Cavaliere, è ferito gravemente ma è ancora vivo.
Giuseppe Spezzaferro

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Roma fa il compleanno invasa dai topi

Attenti a festeggiare il Natale di Roma per strada: ci sono milioni di topi pronti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.