Vetrina / FOCUS / Geopolitica / Nuovo ambasciatore Usa a Tel Aviv

Nuovo ambasciatore Usa a Tel Aviv

L’ambasciatore James Cunningham ha sostituito Richard Jones come rappresentante di Washington a Tel Aviv.

L’ambasciatore Jones è diventato “sgradito” per due motivi. Uno è per essersi impegnato nella discussione sulla legittimità della barriera eretta dallo Stato ebraico intorno alla Cisgiordania. L’altro è aver dichiarato che Jonathan Pollard, colpevole di spionaggio in Usa a favore di Israele, non lascerà mai il carcere. Il caso Pollard aveva già inasprito i rapporti tra Tel Aviv e Washington perché gli americani s’erano incazzati per essere stati spiati dal fedele alleato.

James Cunningham (per tre anni console generale degli Stati Uniti a Hong Kong e prima ancora rappresentante all’Onu) non è comunque più malleabile di Jones. Quando era all’Onu criticò un attacco dell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Gli Stati Uniti si erano astenuti (per il fedele alleato) dall’approvazione di una risoluzione di condanna di un raid del maggio del 2004, e Cunningham aveva detto ai giornalisti che l’intervento militare israeliano non solo aveva portato al deterioramento della situazione umanitaria, ma non era servita a migliorare la situazione della sicurezza nello Stato ebraico.

Che i rapporti Usa-Israele stiano cambiando da quando è caduto il Muro di Berlino è un fatto che internettuale.net sostiene da tempo. E che l’ombrello Usa non sia più disposto a coprire Tel Aviv qualunque cosa faccia è ormai chiaro. Israele deve procedere con maggiore prudenza e cambiare tattica. Un esempio lo ha dato il ministro della Difesa israeliano, Ehud Barack, che ha annunciato che i coloni lasceranno ventisei insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata. I coloni hanno accettato di smobilitare questi avamposti mobili – non approvati dal governo – in cambio dell’impegno ad ampliare gli insediamenti principali che Israele intende mantenere anche dopo un accordo di pace con i palestinesi. Staremo a vedere.

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Trump vince e il mondo ci guadagna

A gennaio Donald Trump si insedierà alla Casa Bianca come 45esimo presidente degli Stati Uniti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.