Vetrina / Reale/Virtuale / Benedetto XVI: senza Storia non c’è identità

Benedetto XVI: senza Storia non c’è identità

Benedetto XVI, parlando al Pontificio Comitato di Scienze Storiche, ha puntato il dito contro positivismo e materialismo: “Entrambe queste ideologie hanno condotto a uno sfrenato entusiasmo per il progresso che, animato da spettacolari scoperte e successi tecnici, malgrado le disastrose esperienze del secolo scorso, determina la concezione della vita di ampi settori della società. Il passato appare, così, solo come uno sfondo buio, sul quale il presente e il futuro risplendono con ammiccanti promesse”.

“Dove sono attive queste forze ideologiche – ha continuato – la ricerca storica e l’insegnamento della storia all’università e nelle scuole di ogni livello e grado vengono trascurati. Ciò produce una società che, dimentica del proprio passato e quindi sprovvista di criteri acquisiti attraverso l’esperienza, non è più in grado di progettare un’armonica convivenza e un comune impegno nella realizzazione di obiettivi futuri. Tale società si presenta particolarmente vulnerabile alla manipolazione ideologica”.

“Il pericolo – ha aggiunto – cresce in misura sempre maggiore a causa dell’eccessiva enfasi data alla storia contemporanea, soprattutto quando le ricerche in questo settore sono condizionate da una metodologia ispirata al positivismo e alla sociologia. Vengono ignorati, altresì, importanti ambiti della realtà storica, perfino intere epoche. Ad esempio in molti piani di studio l’insegnamento della storia inizia solamente a partire dagli eventi della Rivoluzione Francese”. “Il prodotto inevitabile di tale sviluppo – ha concluso Ratzinger – è una società ignara del proprio passato e quindi priva di memoria storica: la perdita della memoria provoca nell’individuo la perdita dell’identità, in modo analogo questo fenomeno si verifica per la società nel suo complesso”.

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Alla Camera il voto finale sulla riforma. Contro l’homo habilis Renzi rispunta Amato, dottor sottile

«Oggi in Aula la discussione sulle linee generali del disegno di legge costituzionale: Disposizioni per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.