Vetrina / Società / Eurispes: gli italiani bocciano
politici e giudici. E salvano l’euro

Eurispes: gli italiani bocciano
politici e giudici. E salvano l’euro

Il 66,8% degli italiani giudica che le maggiori responsabilità della crisi le abbia la classe dirigente, il 16% accusa la grande finanza internazionale, il 7,5% dà la colpa ai vincoli imposti dall’Europa e il 5% punta l’indice contro la Germania.
Per quanto riguarda l’euro, per il 64,4% non va abbandonato mentre il 25,7% auspica la fuoriuscita dell’Italia dall’eurozona.
Sono dati del Rapporto Italia 2014 elaborato dall’istituto di studi politici, economici e sociali Eurispes.

Il 70,6% degli italiani indica un calo della propria fiducia nelle Istituzioni. Chi ha ancora fiducia è il 3,1% (era il 5,3% nel 2013). Tra gli over 65 gli sfiduciati sono il 77,5% mentre tra i 18-24enni è il 74,3% (nel 2013 era il 66,9%).

La ricerca registra anche che il 36,1% degli italiani non si riconosce in nessuna area politica mentre il 12,4% non l’ha voluto indicare.
Ad avere ancora fiducia nel Governo e nel Parlamento è il 16%. Anche il presidente Giorgio Napolitano ha perso punti. Nel 2012 aveva fiducia nel capo dello Stato il 62,1%, nel 2013 era il 44,7% e oggi è il 44,2%.

Nei confronti della magistratura il tasso di sfiducia è al 54,8%. In particolare, il 41,6% ritiene che tutti i magistrati siano influenzati politicamente mentre il 33,6% pensa che siano soltanto alcuni magistrati. Il 65,2%, inoltre, giudica necessaria una legge sulla responsabilità civile dei magistrati.

Scontato il crollo di fiducia nei partiti (al 6,5%) e nei sindacati (al 19,2%) ma inattesa la crescente sfiducia nei confronti delle associazioni di volontariato, anche se le percentuali restano altissime: nel 2012 la fiducia era al 77,4%, nel 2013 al 75,4% e oggi è al 74,5%.

Significativi, perché registrati in piena crisi economica, sono i dati relativi agli animali. Il 39,4% degli italiani ha almeno un animale in casa (era il 55,3% nel 2013).
Più della metà di chi ha un animale domestico (il 55,1%) dice di riuscire a nutrirlo con meno di 30 euro al mese, il 29,8% dichiara di spendere da 31 a 50 euro, il 10,9% da 51 a 100 euro e il 2,6% da 101 a 200 euro.
Giuseppe Spezzaferro

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Italiani, povera gente con il telefonino

“Italiani, povera gente”. Il nuovo patetico mantra ha sostituito quello dilagato nei passati decenni dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.