Vetrina / FOCUS / Geopolitica / L’Italia addestra il Cile… alla guerra aerea

L’Italia addestra il Cile… alla guerra aerea

L’italiana Alenia Aermacchi (Finmeccanica) e la cilena Enaer (Empresa nacional de aeronautica de Chile) hanno firmato un memorandum of understanding (Mou) che definisce i termini di collaborazione per i programmi relativi ai velivoli M-346 (addestratore avanzato di nuova generazione) e M-311 (addestratore basico-avanzato). Il memorandum prevede la produzione e la commercializzazione congiunta degli aerei M-346 e M-311 in America Latina, per rispondere efficacemente alle diverse esigenze delle Forze Aeree della regione, nell’ambito dell’addestramento basico, avanzato e Lead-In-Fighter, così come nel ruolo operativo di Close Air Support.

Grazie al Memorandum con Enaer, Alenia Aermacchi aggiunge un nuovo tassello alla propria strategia di promozione sui mercati esteri di M-346 e M-311, attraverso accordi specifici con qualificati player internazionali. L’accordo prevede inoltre un interscambio di tecnologie all’avanguardia e lo sviluppo di attività di ricerca comune che contribuiranno all’arricchimento del know-how tecnologico e alla crescita di Enaer. Alenia Aermacchi è oggi l’unica azienda aeronautica che progetta e produce velivoli d’addestramento militare che coprono l’intero sillabo addestrativo, incluso il SF-260 per la fase primaria e di screening, il nuovo addestratore avanzato M-311 Turbofan, l’addestratore MB-339 Turbojet, usato, tra gli altri, dalla pattuglia acrobatica “Frecce Tricolori” dell’Aeronautica Militare Italiana e l’addestratore avanzato e Lead-In-Fighter M-346.

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Trump vince e il mondo ci guadagna

A gennaio Donald Trump si insedierà alla Casa Bianca come 45esimo presidente degli Stati Uniti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.