Vetrina / Documenti / Istat: parlano italiano in famiglia
il 62,7% dei russi e il 7% dei cinesi

Istat: parlano italiano in famiglia
il 62,7% dei russi e il 7% dei cinesi

Nella classifica delle lingue di origine parlate dagli stranieri residenti in Italia (di 6 anni e più), al primo posto si trova il rumeno, utilizzato dal 21,9% degli stranieri, pari a quasi 800 mila persone.
Al secondo posto si trova l’arabo, parlato dal 13,1%, per un totale di oltre 475 mila persone.
Al terzo posto l’albanese, parlato dal 10,5%, cioè 380 mila persone.
Al quarto posto lo spagnolo: 7%, 255 mila.
L’italiano è al quinto posto, con oltre 162 mila cittadini stranieri residenti che lo indicano come lingua madre, pari al 4,5% della popolazione straniera di pari età.
Dopo l’italiano troviamo il cinese (lingua madre per il 4,4%, pari a circa 160 mila persone), il russo (3,5%, circa 127 mila persone), l’ucraino (3,3%, 120 mila) e il francese (3,2%, 116 mila).

PARLA ITALIANO IN FAMIGLIA IL 38,5% DEGLI STRANIERI
Complessivamente, le prime dieci lingue più parlate dagli stranieri coprono circa il 74% della popolazione straniera residente (di 6 anni e più).
Sono i risultati, diffusi oggi dall’Istituto di statistica, sulle diversità linguistiche dei cittadini stranieri oggetto di una convenzione stipulata tra Istat e ministero dell’Interno, nell’ambito degli interventi finanziati attraverso il Fondo europeo per l’integrazione dei cittadini di Paesi Terzi.
Nel 79,9% dei casi gli stranieri di madre lingua italiana sono nati e cresciuti in Italia, mentre nel 14,7% dei casi sono immigrati giovanissimi (prima dei 6 anni). Questi ultimi sono parte degli oltre 800 mila stranieri (20,2% degli stranieri residenti) che vivono in Italia da prima di aver compiuto sei anni.

OLTRE IL 90% DEGLI STRANIERI PARLA ITALIANO SUL LAVORO
La padronanza completa della lingua italiana è più diffusa tra gli stranieri di madre lingua serba-croata-bosniaca-montenegrina (47,6%), albanese (43,4%) e romena (42,7%), a differenza dei cittadini stranieri di madre lingua araba (32,4%), ucraina (30%) e cinese (18,5%).
L’italiano è parlato in famiglia dal 38,5% degli stranieri ed è parlato con gli amici e sul luogo di lavoro rispettivamente nel 60% e nel 91,3% dei casi.
Gli stranieri che non sono di madrelingua italiana e che usano l’italiano in famiglia sono più frequentemente di madrelingua russa (67,1%), ucraina (59,6%) e spagnola (53,2%) e meno rappresentati tra i madrelingua araba (21,9%) e cinese (7%).
Rumeni e albanesi parlano più frequentemente in italiano con gli amici: rispettivamente il 65,9% e il 64,6%.

IL 49% DEI CINESI PARLA CINESE ANCHE SUL LAVORO
I cinesi appaiono più chiusi rispetto all’uso della lingua italiana anche con gli amici (30,8%); mentre per le altre principali collettività si registrano quote sempre superiori al 50% (il 57,4% per gli ucraini e il 50,8% per i marocchini).
L’uso della lingua italiana sul lavoro è, invece, un elemento che accumuna oltre il 90% degli stranieri, a prescindere dal ceppo linguistico o dalla nazionalità; unica eccezione anche in questo caso è rappresentata dai cinesi: il 49% parla cinese anche sul lavoro.
Giuspe

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Italiani, povera gente con il telefonino

“Italiani, povera gente”. Il nuovo patetico mantra ha sostituito quello dilagato nei passati decenni dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.