Vetrina / ATTUALITÀ / Economia / L’Antitrust multa la Geri per 205 mila euro:
società scorretta nel recupero crediti

L’Antitrust multa la Geri per 205 mila euro:
società scorretta nel recupero crediti

L’Agcm, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato più nota come Antitrust, ha vietato la continuazione da parte della Geri, Gestione rischi srl, di ogni attività diretta al recupero crediti con modalità scorrette e aggressive. E l’ha multata per 205 mila euro.
L’Autorità ha accertato che questa società di recupero crediti ha sollecitato ai consumatori il pagamento di presunti crediti, infondati o prescritti, minacciando anche azioni legali.
In alcune comunicazioni è stata addirittura preannunciata la visita di un funzionario a casa o sul posto di lavoro per «ritentare la composizione bonaria del debito», mentre altri consumatori sono stati invitati a contattare una numerazione a pagamento, per presunte «verifiche amministrative», pagando un costo elevato per la chiamata.

L’Antitrust si è mossa sulla base di segnalazioni arrivate da singoli cittadini, dal gruppo Antitrust del Nucleo tutela mercati della Guardia di Finanza nonché da ben 9 associazioni di consumatori.

LA LUNGA STRADA DA SUDDITI A CITTADINI
Non è la prima volta (e credo non sarà l’ultima) nella quale l’Agcm ha dato lo stop a società di recupero crediti responsabili anche di pratiche aggressive per l’inoltro di finte citazione in giudizio.
Facendo le somme, fino ad oggi l’Antitrust ha appioppato sanzioni per oltre un milione di euro.

La transizione degli Italiani da sudditi a cittadini passa anche attraverso la maggior tutela dei loro diritti di consumatori. Lo so, è terribile che un diritto venga affermato per motivi legati al portafoglio, ma ben vengano se servono ad innescare un meccanismo altamente dirompente. È come per l’Ue: è nata per interessi di bottega, è sostenuta da banchieri sicuramente non filantropi, ma da questo straccio di Europa si può mirare più agevolmente ad un’Europa più nobile.

Vale sempre la lezione di Leonardo: è più facile accelerare un corpo in movimento piuttosto che mettere in moto un corpo immobile.
Giuseppe Spezzaferro

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

AIDS: in Italia 4.000 infetti in più all’anno

Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV, Human Immunodeficiency Virus) in Italia colpisce ogni due ore, facendo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.