Vetrina / Mondo / Tunisi, le “forze speciali” fanno una strage
e muoiono anche turisti italiani

Tunisi, le “forze speciali” fanno una strage
e muoiono anche turisti italiani

A Tunisi, in un museo, sono state uccise 24 persone e altre 50 sono rimaste ferite. Non stavo lì e debbo rifarmi a ciò che dice la tv. Ma due cose le posso dire senza tema di essere smentito.
Pare che gli assalitori fossero due, che avessero tentato di entrare nel Parlamento e che si fossero poi rifugiati nel museo “Bardo”.
Le cosiddette forze speciali tunisine sono intervenute e c’è stata una strage.
Nei film che raccontano fatti del genere ci sono microfoni, telecamere, tiratori con fucili speciali, bombe soporifere e militari addestratissimi. Il problema è sempre lo stesso: come eliminare il nemico salvando la vita agli ostaggi. Alla fine, quando il calcolo delle perdite collaterali è accettabile, si parte con l’attacco. Se, naturalmente, le richieste degli assediati siano risultate impossibili da soddisfare.

ATTACCO A TESTA BASSA
I due nel Bardo avevano fatto una qualche richiesta? Cosa è successo nelle due ore precedenti all’assalto? Perché le “forze speciali” sono entrate sparando senza curarsi di colpire gli ostaggi? Perché un attacco a testa bassa come in una rissa da strada?
La seconda considerazione riguarda il neopresidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha dichiarato: «L’Italia non si farà intimorire».
Tra le vittime a Tunisi, si contano purtroppo anche tre morti italiani e 6 feriti.

INTERVENTO SENZA SENSO
È chiaro che sono rimasti coinvolti in una sparatoria che non c’entra niente con l’Italia. I due che li avevano presi in ostaggio nemmeno lo sapevano che fossero italiani. Quindi? Dove sta questo atto di intimidazione a fronte del quale il capo dello Stato rivendica orgogliosamente che con ha paura?

Prevedo (ma è cosa facile) che si diranno e si scriveranno cose relative al terrorismo internazionale (finita la stagione di bin Laden e di Al-Qaida, è il turno dell’Isis) e forse qualcuno riuscirà pure ad azzardare un “attacco al cuore dell’Africa” oppure “attacco contro la politica araba moderata” e analoghe scemità (a Parigi c’è stato com’è noto un “attacco al cuore dell’Europa” e non contro un giornale che sfotteva Maometto).

QUANDO TUTTO ERA MAFIA
C’è stato un tempo nel quale in Italia tutto era mafia. Qualunque morto ammazzato e qualunque sparizione venivano imputati alla mafia. Fiumi di inchiostro e di parole inutili: la mafia non ne veniva nemmeno scalfita. Il declino dell’associazione criminale denominata mafia è cominciato quando la risposta dello Stato (magistrati e guardie) è stata mirata. Niente più buio nel quale tutti i gatti sono bigi. Niente più confusioni (a volte scatenate ad arte) tra “normali” omicidi ed “esecuzioni” mafiose.

CONFUSIONE STUPIDA
Oggi si fa lo stesso casino a livello internazionale. È tutto terrorismo. Uno scafista fa quattrini trasportando poveri disgraziati? Dietro c’è il terrorismo internazionale. Due sbandati sparano contro vignettisti? È un’azione pianificata dall’Isis. Un esagitato spara a Copenhagen? È un complotto terrorista.
In questo modo, non si va da nessuna parte.

FARNESINA ACEFALA
Ultima cosa. Se il governo Renzi fosse un vero governo e l’ex addetto stampa Gentiloni fosse un vero ministro degli Esteri, i Tunisini dovrebbero spiegarci perché hanno autorizzato un assalto che ha fatto più morti delle “stragi terroriste” che ho citato prima in Francia e in Danimarca. Mai come in queste ore abbiamo visto che la Farnesina è acefala.
Non faranno niente, come non hanno fatto, non fanno e non faranno niente per riportare a casa i due marò sequestrati dagli Indiani.
Povera Italia! Altro che non ci faremo intimidire, caro presidente. E la prossima volta pensaci un po’ prima di parlare.
Giuseppe Spezzaferro

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Italiani, povera gente con il telefonino

“Italiani, povera gente”. Il nuovo patetico mantra ha sostituito quello dilagato nei passati decenni dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.