Vetrina / Documenti / L’Ama come Sisifo: immigrati
a colazione a Colle Oppio

L’Ama come Sisifo: immigrati
a colazione a Colle Oppio

L’Ama subisce la stessa condanna di Sisifo, il mitologico re di Corinto obbligato a spingere in eterno un masso fino alla cima di un monte dal quale precipita subito dopo, costringendolo a ricominciare daccapo. “Fare la fatica di Sisifo” è un modo di dire che indica un lavoro inutile. E m’è venuto in mente stamattina a Colle Oppio. Da un lato, infatti, c’era chi rastrellava e raccoglieva cartacce, bottiglie, ossi di pollo e bucce di banana, sull’altro lato della strada, a poche decine di metri, era in pieno svolgimento un déjeuner sur l’herbe modello immigrato.

AMA2

Purtroppo non ho potuto (s’arrabbiano facilmente) fotografare i tanti commensali che, con buste e zaini colmi di vettovaglie, erano in attesa che gli operatori dell’Ama se ne andassero per stravaccarsi a loro volta sull’erba a mangiare e bere.

colazione sull'erba

Hai voglia a pulire e ripulire. Colle Oppio è una sorta di terra promessa. Ci stanno mense gratuite e tanta gente di buona volontà che consola senzatetto e poveri sbandati, per cui gli immigrati hanno eletto l’area a giardino personale.
Più in avanti, a pochi passi, proprio di fronte al Colosseo (una veduta mozzafiato), è stato spianato un campo di calcio. Lì, boliviani, peruviani e immigrati vari si radunano per disputare un eterno campionato, mentre tutt’intorno s’accendono barbecue e fornacelle per cucinare piatti tradizionali dai mille odori pungenti.

La bevanda preferita è la birra, ma sul terreno del déjeuner tra le “Peroni” restano anche brik di vino vuoti e ammaccate lattine di cocacola.
Un servizio fotografico più accurato (e con un teleobiettivo) forse colpirebbe di più l’immaginazione, ma un film-documentario come s’usava una volta convincerebbe le cosiddette autorità competenti a fare qualcosa.
Giuseppe Spezzaferro

Commenti sul Sito e/o su Facebook

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare il tuo account di Facebook

Controlla Anche

Italiani, povera gente con il telefonino

“Italiani, povera gente”. Il nuovo patetico mantra ha sostituito quello dilagato nei passati decenni dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.